In fiumi di lacrime fino a prosciugarci.


Queste parole son per te, maledetto cuore.
Ho provato odio nei tuoi confronti sai?
Quasi avrei voluto sradicarti dal petto a mani nude,
convinta fossi un albero che dà solamente frutti avvelenati.
Desideravo che tu t’arrestassi, maledetto cuore, e i giorni passando
divenivano settimane e insieme a te avrei voluto arrestare il tempo.
Notti tramutate in angosce provando a scrivere su qualche foglio
una cura a quella tua emorragia interna.
Intossicati da un amore che amore non era,
malati di una finzione travestita da profondo sentimento
e noi che per una menzogna ci siamo spenti,
come una stella caduta in una coperta di nebbia,
senz’occhi che regalassero un desiderio alla nostra morte.
Maledetto cuore, nuotiamo in fiumi di lacrime fino a prosciugarci.
Noi che ignoravamo la testa quando suonava l’allarme anti incendio,
non le vedevamo le fiamme alte che offuscandoci
c’hanno reso fuoco e inceneriti quasi completamente.
Abbiamo creato storie per sentirci meno soli,
abbiamo imbrogliato durante una partita già persa in partenza.
E mentre ci nascondevamo all’ombra delle nostre ferite,
vagando a piedi scalzi per la solitudine delle nostre inquietudini,
abbiamo trovato un’oasi nel deserto del nostro sentimento desolato.
Ci siamo dissetati d’acqua dolce, maledetti noi che non impariamo mai
e rischiamo ancora d’avvelenarci di emozioni.
Ma ora silenzia i tuoni, maledetto cuore,
che per toglierci la sete non serve più alcuna tempesta
e quest’oasi crescendo prende le sembianze di un oceano.
Maledetto cuore, maledetta me,
se il fuoco brucia e incenerisce, l’acqua come può uccidere?


Elisa.


Mi trovi anche su -> I N S T A G R A M

    -> F A C E B O O K

                                 -> T U M B L R 



Un pensiero su “In fiumi di lacrime fino a prosciugarci.

Lascia qui un tuo pensiero.